F.A.Q.

F.A.Q.

Il sistema standard è costituito da una serie di fili elettrici orizzontali sostenuti da paletti dotati di isolatore.
Il sistema può essere installato su una recinzione già esistente, sopra un muro, su tetti o balconi.
Il numero di fili, la distanza tra i fili e l’altezza del sistema dipendono dalla tipologia di recinzione da proteggere e dal grado di sicurezza desiderato. In genere il filo inferiore del sistema si trova a circa 100 mm da terra, per evitare che l’intrusore possa entrare strisciando. Mentre il filo superiore è posto a 600 mm oltre la recinzione fisica, per impedire che l’intruso possa entrare arrampicandosi.

Il controller genera un impulso elettrico che viene lanciato lungo la recinzione ad intervalli di un secondo circa. Quando i fili vengono toccati si percepisce una breve ma intensa scossa elettrica. In genere questa scarica elettrica è sufficiente per dissuadere chiunque voglia entrare. Se, per poter entrare, i fili vengono tagliati o manomessi, l’apparecchio rileva l’intrusione e genera l’allarme.
Il sistema non genera falsi allarmi distinguendo violazioni vere e proprie da contatti accidentali. Il singolo contatto con i fili di una persona o di un animale non genera un allarme e, in questo modo, si evitano inutili e costose chiamate notturne alla della vigilanza.

Si, i sistemi di recinzione elettrica anti intrusione sono legali e sono regolamentati dalla normativa Europea EN 60335-2-76. La normativa è molto severa ed indica le caratteristiche che devono avere gli apparecchi che generano gli impulsi elettrici, i limiti di potenza e come deve essere installata la recinzione per evitare pericoli.
Tutti i prodotti Gallagher sono confacenti alla normativa e riportano il bollino CE.
Gallagher, inoltre, ha realizzato un suo codice di pratica che migliora ulteriormente la sicurezza degli impianti. Tutti gli installatori certificati Gallagher sono obbligati a rispettare le norme di sicurezza ed il codice di pratica.

I sistemi anti intrusione, se realizzati seguendo la normativa e con apparecchi confacenti, non sono pericolosi né per le persone né per gli animali. Se un bambino, un anziano, un cardiopatico o, semplicemente, un gatto o un cane toccano la recinzione, percepiscono la scossa elettrica ma non subiscono danni o ferite di alcun genere.
In ogni caso, per minimizzare questo rischio, i nuovi controller F31 ed F32 dispongono anche della modalità Low Feel. Durante il giorno, ad esempio, può essere impostata questa funzione in modo da mantenere monitorata la recinzione ma il contatto con il filo non genera una forte scossa elettrica. Durante la notte, invece, il voltaggio si alza massimizzando l’effetto deterrente.

I controller F31 e F32 possono essere utilizzati in modalità stad-alone. In questa modalità hanno quasi tutte le funzioni di controllo già impostate e possono essere collegati a sirene, combinatori telefonici oppure a pannelli d’allarme già esistenti.

Premesso che la sicurezza non ha prezzo e che un furto o un intrusione possono costare molto più del sistema d’allarme.
Abbiamo avuto clienti che, soggetti quotidianamente a furti da gasolio e ad atti vandalici su camion e mezzi aziendali, si sono ripagati l’impianto in poco più di un mese.
Un buon sistema di recinzione elettrica perimetrale costa tanto quanto un buon sistema realizzato con altre tipologie d’allarme.
Il costo del sistema dipende dal grado di sicurezza che si vuole ottenere. Il numero dei fili che bisogna stendere, il numero di zone che si vogliono monitorare, la semplicità del perimetro (angoli, cancelli, interruzioni, cambi di pendenza o direzione), sono tutti fattori che influiscono sul costo del sistema.
I nostri sistemi anti intrusione hanno una notevole durata nel tempo e non richiedono particolari manutenzioni e l’investimento iniziale si spalma almeno su 10 anni.

I nostri sistemi sono studiati per avere un basso impatto visivo. I fili hanno un diametro di 2 mm circa e i pali di sostegno hanno dimensioni modeste. In genere si integra molto bene con le recinzioni esistenti e bisogna prestare attenzione per accorgersi del sistema.

Il sistema, se ben installato, non ha bisogno di alcuna manutenzione. Bisogna solo evitare che la vegetazione (erba, cespugli, alberi, ecc.) presente lungo il perimetro tocchi i fili della recinzione. Una forte vegetazione abbassa il voltaggio, rende il sistema meno efficiente e può creare falsi allarmi.